FAQs

Domande Frequenti

Domande_2

Voglio prendere un appuntamento, come faccio?

Puoi telefonarmi al 349/0806265: se non rispondo ti richiamo io non appena mi libero.

Oppure puoi mandarmi una mail a info@danielachiodi.it

E’ possibile stabilire fin da subito quanto durerà la terapia/il percorso?

No, i tempi della “mente” non sono sempre prevedibili. La terapia non dà soluzioni immediate e magiche, richiede tempo e costanza. Inoltre, la lunghezza dipende dal tipo di problema, dalla frequenza dei colloquio, dal tipo di difese che la persona possiede, dagli obiettivi che si stabiliscono.

E' possibile tuttavia darsi degli obiettivi a breve/medio termine.

Quanto costa un colloquio?

Il colloquio costa 60 €, salvo promozioni e “pacchetti” speciali. Il pagamento avviene al termine di ogni incontro oppure mensilmente in forma anticipata.

Che differenza c’è tra parlare con un amico/a e parlare con uno/a psicologo/a? altrimenti detto: "Io non credo negli psicologi!"

Lo/a psicologo/a possiede degli strumenti che un amico/a non ha: ha una preparazione tale che gli/le consente di empatizzare e capire le dinamiche psicologiche consce e inconsce, trovare strategie, dare chiavi di lettura in base a teorie scientifiche validate. Favorisce la consapevolezza e il cambiamento attraverso tecniche precise.

La psicologia non è una “fede”, o una corrente spirituale: è una scienza  e come tale ha strumenti e metodologie scientifiche, che un amico/a, per quanto sensibile e attento, non possiede.

Inoltre il/la professionista non è condizionato/a da una conoscenza pregressa, da elementi affettivi o emotivi, e questo gli/le consente di mantenere uno sguardo neutro e non giudicante.

 

Perché andare da uno/a psicologo/a?

Se ne senti il bisogno/desiderio/curiosità non ti servono altri perché!

Quanto dura il colloquio?

Il colloquio dura 45/50 min. E’ importante essere puntuali per rispettare i tempi.

Posso interrompere la terapia/il percorso?

Sì, certamente. Qualora volessi interrompere la terapia/il percorso ne parliamo in colloquio e facciamo un incontro conclusivo per “salutarci” e fare il bilancio del lavoro fin lì fatto.

Anche io posso decide di terminare la terapia qualora valutassi che non sta producendo i risultati attesi.

Le cose che dico in colloquio rimangono riservate?

Assolutamente sì. Ogni cosa che racconti in colloquio e qualsiasi comunicazione è coperta dal segreto professionale al quale non posso derogare se non in caso di pericolo di vita. Questo è il codice deontologico al quale ogni psicologo/a deve sottostare (gli articoli che riguardano la riservatezza sono quelli dall'11 al 17).

A questo proposito, durante il primo incontro ti consegnerò i moduli del consenso informato e privacy che puoi trovare su questo sito, nella sezione “Modulistica”.

Che differenza c’è tra counselor, psicologo/a, psicoterapeuta, psichiatra?

Il counselor non ha una laurea in psicologia, ma ha fatto una scuola di counselling (della durata media di 3 anni), in cui ha appreso alcune tecniche di ascolto e accompagnamento psicologico. In Italia ci sono molte scuole di questo tipo: alcune richiedono un diploma di scuola superiore per accedervi, altre il diploma di terza media.

Lo psicologo ha una laurea in psicologia, ha effettuato almeno un anno di tirocinio e un esame di stato che ne ha accertato i requisiti per poter esercitare la professione. Inoltre deve essere obbligatoriamente  iscritto all’albo nazionale/regionale, il quale controlla che i propri iscritti esercitino seguendo il Codice Deontologico (obbligatorio). Lo psicologo può fare consulenze, psicodiagnosi e percorsi di sostegno psicologico.

Lo psicoterapeuta può essere uno psicologo o un medico che ha fatto una scuola di specializzazione, riconosciuta dallo Stato, in psicoterapia. La durata è di 4 anni e prevede un tirocinio formativo e un esame finale. Solo lo psicoterapeuta può effettuare la psicoterapia.

Lo psichiatria è esclusivamente un medico che ha conseguito la specializzazione in Psichiatria. Solo lo psichiatra può prescrivere farmaci, in quanto medico.